Skip to Content

COMPOSTAGGIO E UMIDO

IL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

compostaggio domensticoIl compostaggio è un processo naturale per ricavare del buon fertilizzante dagli scarti organici di cucina (avanzi di cibo, scarti di frutta e verdura, filtri di caffè e tè, ecc.) e del giardino (erbe, foglie, ramaglie e fiori). È possibile (per chi lo desidera) effettuare a casa propria il Compostaggio della frazione organica umida. Tale opportunità è rivolta soprattutto a coloro che dispongono di un giardino. Il compostaggio può essere infatti effettuato a livello domestico nel proprio giardino o nell’orto.

Per ottenere un buon compost è necessario:

Preparazione del fondo con materiale legnoso per garantire il drenaggio dell’acqua in eccesso
Rivoltare e mescolare periodicamente il materiale garantendo una corretta aerazione.
Garantire l’aerazione poiché l’ossigeno è necessario ai microrganismi per compostare i tuoi rifiuti. Se l’aerazione è adeguata non si formano cattivi odori e le condizioni per la formazione dell’humus sono ottimali.
La giusta umidità: si può fare la seguente prova: si può stringere una manciata di materiale nel pugno, se gocciola è troppo umida, quindi si consiglia di aggiungere rifiuti secchi (paglia, foglie secche, piccoli pezzi di legno) mentre se il palmo della mano non è umido bisogna annaffiare un po’.


COSA SI DEVE METTERE:
COMPOSTAGGIO DOMESTICO:

  • rifiuti di frutta e verdura
  • Scarti di cucina e avanzi di cibo
  • fondi di caffè o tè in filtro
  • piante da vaso o fiori recisi
  • rifiuti verdi del giardino (erba tagliata, foglie, rami)
  • paglia, fieno e sterco di animali da cortile
  • ceneri di legno

Dopo 6/7 mesi gli scarti si saranno trasformati in concime riutilizzabile per l’orto, il giardino e le piante in sostituzione dei costosi fertilizzanti chimici.
 

COME SI USA:
Il composto pronto (5/6 mesi di maturazione) può essere immediatamente utilizzato per fertilizzare orti, giardini e piante in vaso oppure conservato in sacchi, come ogni concime. Se usato per l’orto o il giardino, si consiglia di riversarne nell’appezzamento da 2 a 4 kg per metro quadrato, prima di procedere alla lavorazione del terreno per il trapianto o per la semina. Se si sfrutta, invece, per il rinvaso delle piante da fiore, si consiglia di mettere nel vaso una miscela costituita per metà di compost e metà di terra o torba. Se il compost ha 2-3 mesi di maturazione, bisogna usarlo alcune settimane prima di procedere alla semina dell’orto, perché è un humus molto ricco di nutrienti. Se si ricorre, invece, al compost conservato, lo si può impiegare in sostituzione della torba.

Il rifiuto organico è la frazione differenziabile più importante. Separarla dagli altri rifiuti può permettere di raggiungere percentuali importanti di raccolta differenziata, diminuendo sensibilmente la quantità di rifiuti da conferire in discarica. Per rifiuto organico si intende tutto lo scarto di cucina e non solo.
 


COSA SI DEVE DIFFERENZIARE:

  • Scarti di cucina e avanzi di cibo
  • Alimenti avariati
  • Gusci d’uovo
  • Scarti di verdura e frutta
  • Fondi di caffè e filtri di tè
  • Lettiere e escrementi di animali domestici
  • Fiori recisi e piante domestiche
  • Pane vecchio
  • Salviette di carta unte
  • Ceneri spente di caminetti
  • Piccoli ossi e gusci di cozze
  • Residui vegetali da pulizia del giardino e dell’orto (se non si possiede la compostier)
     

NO
COSA NON SI PUÒ DIFFERENZIARE:

  • Pannolini, assorbenti
  • Stracci anche se bagnati
  • Nylon, sacchetti e cellophane
  • Vasi in plastica o terracotta per piante
  • Materiali secchi, pericolosi, riciclabili
  • Metalli, sassi e terra, pneumatici

 

framec9.jpg

DOVE:
I rifiuti elencati al punto precedente vanno collocati all’interno dei bidoni stradali di colore MARRONE, dalle 20.00 alle ore 6.00 al fine di evitare cattivi odori, all’interno degli appositi sacchetti in carta o Mater–bi, chiusi.

 

QUANDO:
I rifiuti umidi devono essere possibilmente conferiti il giorno precedente la raccolta nei contenitori stradali. La raccolta è effettuata indicativamente nel periodo invernale il martedì e il sabato; nel periodo estivo il lunedì, il mercoledì e il venerdì. Sarà cura del Comune e del Gestore del servizio informare gli utenti con una campagna pubblicitaria mirata sull’attivazione del servizio.
 

COSA SI OTTIENE CON IL RICICLO ORGANICO:
Dal trattamento del rifiuto organico si ottiene biogas per la produzione di energia e un ammendante ovvero un terriccio che può essere utilizzato per la copertura delle discariche o come integratore nei terreni interessati da incendi boschivi.